eLiterature

l'arte nell'era post-elettronica a cura di Lello Masucci


La storia infinita – capitolo 6

PER VEDERE IL POEMA CLICCA SULLE PAROLE SEGUENTI “La storia infinita”—->>La storia infinita è un poema elettronico creato intervenendo su un listato processing che sfrutta il linguaggio javascript. Questa operazione fa si che il listato rappresenti la cassetta dei colori e dei pennelli a disposizione dell’artista. L’opera è nel solco della Letteratura elettronica, per questo motivo la chiamo poema. Ma è un poema che presenta prerogative particolari e completamente nuove rispetto ai poemi tradizionali. Un fattore, in primo luogo, che esiste anche nei poemi tradizionali, in questo viene portato alle estreme conseguenze: il rapporto tra lettore e opera; in particolare la capacità di ciascun lettore di trasformare e ricreare secondo propri parametri culturali la scrittura di fronte alla quale ci si trova. “La storia infinita” ha la peculiarità di essere trasformata dal lettore nel mentre essa stessa si dispiega e procede. Il rapporto tra fruitore e opera assume caratteri totalizzanti proprio in virtù della libertà lasciata al lettore di trasformare il testo con un semplice click del mouse. Eppure il testo ha una così forte influenza sul lettore che spesso lo ammalia fino a renderlo succube di trasformazioni che nemmeno l’autore poteva prevedere. Proprio quest’ultimo rapporto, quello tra autore ed opera, in questo poema viene stravolto dalla randomizzazione degli accadimenti elettronici. Ciò a tal punto da trasformare lo stesso autore in fruitore e poi di nuovo in autore come lo diventa il semplice lettore. Ma questo poema ha ancora da dire molto circa i rapporti tra queste tre entità: autore, opera, fruitore. Oltre a creare rapporti biunivoci entrambi passanti attraverso l’opera e producenti l’inversione delle peculiarità di ciascun attore in quelle dell’atro, il poema si presenta con la stessa unicità ogni volta che ci si trova in sua presenza. Una esperienza di lettura dunque è esperienza irripetibile che può essere fissata solo da una ripresa dello schermo. La lettura del poema non è mai la stessa e le storie che esso racconta non sono mai uguali alle precedenti, hanno delle assonanze, possono suscitare ricordi, ma mai esperienze già vissute. Ogni seduta di lettura presenta immagini e accadimenti che sono propri di quella seduta di lettura, come se la seduta stessa fosse un essere vivente a sé stante, come ciascuno di noi. Possiamo avere somiglianze con altri esseri viventi ma non siamo mai uguali e sovrapponibili. Non solo ma il racconto non si percepisce come individuo corporeo, ma come accadimento di eventi della vita degli individui.

Viviamo un’epoca di transizione. Il digitale si sta affermando, ma esistono ancora sacche di analfabetismo. L’elettronica ha avuto successo ma molti non la usano perché non sanno usarla. La capacità dell’uomo di vivere più a lungo ha creato la dilatazione dei tempi della trasformazione. Il numero dei vecchi aumenta procurando l’incapacità di essere in corsa con i tempi della scienza. Per questo motivo i linguaggi attraversano uno stadio di ibridismo che diventa lo stato costante per periodi tanto lunghi da superare di molto il progredire delle scoperte e delle invenzioni tecnologiche. Il moltiplicarsi delle immigrazioni da paesi poveri verso paesi ricchi, in buona parte dovuti alla tendenza del capitalismo a mantenere immobili le diversità di ricchezza esistenti tra gli uomini, le popolazioni e i continenti, sta creando incroci di relazioni, linguaggi, religioni. Questo stato di cose pone in essere un nuovo modo di considerare le relazioni, le comunicazioni, i linguaggi che ad esse si relazionano e l’arte viaggia ormai su autostrade parallele a quelle della scienza. Una società composta da molteplici culture, molteplici modi di considerare la vita e la filosofia della vita, conducono all’affermazione di un nuovo modo di esistere, relazionarsi, comunicare: l’ “Ibridismo”.

L’ “Ibridismo” è una filosofia che investe tutte le forme del vivere civile oggi. L’arte ne è fortemente influenzata. La prima cosa che scompare nell’ibridismo e la divisione in discipline dell’arte: non esiste più scultura, pittura, fotografia, video, cinematografia, teatro… C’è un solo modo di essere artista oggi: artista è chi utilizza una molteplicità di media, da quelli analogici a quelli digitali, per esprimere progetti e idee che vanno a creare un grosso tessuto connettivo, di forma rizomatica, teso al cambiamento della società. L’ “Ibridismo” tende ad autodistruggersi nella sua coniugazione. Tende a creare un nuovo tessuto sociale nel quale si innerveranno nuovi rapporti, nuove relazioni e nuove comunicazioni, dove il prodotto artistico, fin qui inteso come oggetto funzionale al mercato, tende a cambiare valore e significato.



39 Responses to "La storia infinita – capitolo 6"

  1. [...] Guarda Originale: Letteratura ibrida e ibridismo – l'arte nell'era post-elettronica [...]

  2. Roxanne Newell scrive:

    http://www.poesianumerica.net‘s done it once more! Superb post.

  3. Dianna Swanson scrive:

    If only I had a greenback for each time I came to http://www.poesianumerica.net... Superb read.

  4. Adela Green scrive:

    If only more than 15 people could read about this.

  5. Eduardo Curran scrive:

    If only I had a dime for every time I came to http://www.poesianumerica.net.. Great writing!

  6. Amy scrive:

    [...] Guarda Originale: Letteratura ibrida e ibridismo – l’arte nell’era post-elettronica [...]

  7. Viviamo un’epoca di transizione. Il digitale si sta affermando, ma esistono ancora sacche di analfabetismo. L’elettronica ha avuto successo ma molti non la usano perché non sanno usarla. La capacità dell’uomo di vivere più a lungo ha creato la dilatazione dei tempi della trasformazione. Il numero dei vecchi aumenta procurando l’incapacità di essere in corsa con i tempi della scienza. Per questo motivo i linguaggi attraversano uno stadio di ibridismo che diventa lo stato costante per periodi tanto lunghi da superare di molto il progredire delle scoperte e delle invenzioni tecnologiche. Il moltiplicarsi delle immigrazioni da paesi poveri verso paesi ricchi, in buona parte dovuti alla tendenza del capitalismo a mantenere immobili le diversità di ricchezza esistenti tra gli uomini, le popolazioni e i continenti, sta creando incroci di relazioni, linguaggi, religioni. Questo stato di cose pone in essere un nuovo modo di considerare le relazioni, le comunicazioni, i linguaggi che ad esse si relazionano e l’arte viaggia ormai su autostrade parallele a quelle della scienza. Una società composta da molteplici culture, molteplici modi di considerare la vita e la filosofia della vita, conducono all’affermazione di un nuovo modo di esistere, relazionarsi, comunicare: l’ “Ibridismo”.
    +1

  8. Georgiana scrive:

    Viviamo un’epoca di transizione. Il digitale si sta affermando, ma esistono ancora sacche di analfabetismo. L’elettronica ha avuto successo ma molti non la usano perché non sanno usarla. La capacità dell’uomo di vivere più a lungo ha creato la dilatazione dei tempi della trasformazione. Il numero dei vecchi aumenta procurando l’incapacità di essere in corsa con i tempi della scienza. Per questo motivo i linguaggi attraversano uno stadio di ibridismo che diventa lo stato costante per periodi tanto lunghi da superare di molto il progredire delle scoperte e delle invenzioni tecnologiche. Il moltiplicarsi delle immigrazioni da paesi poveri verso paesi ricchi, in buona parte dovuti alla tendenza del capitalismo a mantenere immobili le diversità di ricchezza esistenti tra gli uomini, le popolazioni e i continenti, sta creando incroci di relazioni, linguaggi, religioni. Questo stato di cose pone in essere un nuovo modo di considerare le relazioni, le comunicazioni, i linguaggi che ad esse si relazionano e l’arte viaggia ormai su autostrade parallele a quelle della scienza. Una società composta da molteplici culture, molteplici modi di considerare la vita e la filosofia della vita, conducono all’affermazione di un nuovo modo di esistere, relazionarsi, comunicare: l’ “Ibridismo”.
    +1

  9. amazing log you’ve sit on

  10. LELIA scrive:

    Hi,Hello I was looking for crucial information on this subject. The information was important as I am about to launch my own portal. Thanks for providing a missing link in my business. Greetings from Alaska

  11. Flo Winnegan scrive:

    Neat blog layout! Very easy on the eyes.. i like the colors you picked out

  12. Cialis scrive:

    An attention-grabbing discussion is value comment. I think that you must write extra on this subject, it may not be a taboo subject but typically people are not sufficient to talk on such topics. To the next. Cheers

  13. This actually answered my drawback, thank you!

  14. Thank you for this awesome text and description of existing problem. You’ve laid it out better than any talks I’ve seen. Also thank you for citing my work on it. Your’s takes it way higher.

  15. Buster Hintzen scrive:

    Glad I found this blog, I was searching for info on this exact topic while doing research on my term paper. You raised some good points. I am just wondering, how long have you been blogging about this subject and when did you start your blog? I’m going to bookmark it and come back for another look in the near future. Best of luck, Vin from Australia

  16. It’s an important pity you actually don’t have a very good donate switch! I’d most likely donate to this spectacular site! As i suppose that at the moment i’ll are satisfied with book-marking and even using ones own Rss feed to help you a Google and yahoo credit account. As i start looking forth to help you innovative posts and will eventually show it website through a Facebook . com group:

  17. Sun Bise scrive:

    I consider something genuinely interesting about your weblog so I bookmarked . I’d constantly want to be update on new content on this site, saved to bookmarks ! .

  18. Irena Oyster scrive:

    Thanks for every other fantastic article. Where else may anyone get that kind of information in such a perfect method of writing? I have a presentation next week, and I’m on the search for such information.

  19. Van Mitsakos scrive:

    Great page plus easy so that you can figure out justification. Exactly how can I actually approach getting concur so that you can post element of your document at my upcoming newsletter? Getting proper consumer credit back a journalist plus backlink to your web-site won’t often be a problem.

  20. Great topic. I’ve discovered a great deal new things the following. Carry on.

  21. Manuela Litman scrive:

    Terrific report and also quick to be able to realize explanation. How do My partner and i begin acquiring permission to be able to place element with the content within my new newssheet? Giving right credit rating for your requirements the particular article author and also hyperlink for the online site would not be described as a concern.

  22. Thank you for sharing with us, I conceive this website genuinely stands out : D.

  23. Excellent job once again. Thank you:)

  24. Winter Ellis scrive:

    excellent post. ty so much

  25. I like http://www.poesianumerica.net dude!
    [url=http://www.youtube.com/watch?v=Ov52Leg5bMQ]iphone 4s giveaway[/url]

  26. found your blog on Google and read a few of your other posts. I just added you to my Google News Reader. Keep up the good work. Look forward to reading more from you in the future.

  27. nada blue book scrive:

    Write more, thats all I have to say. Literally, it seems as though you relied on the video to make your point. You definitely know what youre talking about, why waste your intelligence on just posting videos to your blog when you could be giving us something informative to read?

  28. Nearly all of what you state is astonishingly accurate and that makes me wonder why I had not looked at this with this light before. This particular article really did turn the light on for me personally as far as this issue goes. Nevertheless there is one issue I am not necessarily too cozy with and while I make an effort to reconcile that with the actual main theme of your position, allow me see what the rest of the visitors have to say.Very well done.

  29. Hi! I’m at work browsing your blog from my new iphone 4! Just wanted to say I love reading through your blog and look forward to all your posts! Carry on the superb work!

  30. Arizona jeans scrive:

    Woah! I’m really enjoying the template/theme of this website. It’s simple, yet effective. A lot of times it’s hard to get that “perfect balance” between superb usability and appearance. I must say that you’ve done a very good job with this. Also, the blog loads extremely fast for me on Chrome. Outstanding Blog!

  31. Appreciating the commitment you put into your site and in depth information you provide. It’s awesome to come across a blog every once in a while that isn’t the same old rehashed material. Wonderful read! I’ve bookmarked your site and I’m including your RSS feeds to my Google account.

  32. Hey i think your blog is fantastic! I found it on Google. I think i will come back one day soon.

  33. Lello Masucci scrive:

    OK!

  34. Tianna Lecea scrive:

    Hello There. I found your blog using msn. This is an extremely well written article. I’ll make sure to bookmark it and come back to read more of your useful information. Thanks for the post. I will definitely return.

  35. Greetings from Idaho! I’m bored to tears at work so I decided to browse your blog on my iphone during lunch break. I really like the information you provide here and can’t wait to take a look when I get home. I’m amazed at how fast your blog loaded on my mobile .. I’m not even using WIFI, just 3G .. Anyways, very good site!

  36. Hello there! I know this is kinda off topic however I’d figured I’d ask. Would you be interested in trading links or maybe guest writing a blog article or vice-versa? My blog goes over a lot of the same topics as yours and I believe we could greatly benefit from each other. If you might be interested feel free to send me an email. I look forward to hearing from you! Superb blog by the way!

  37. Hey this is somewhat of off topic but I was wondering if blogs use WYSIWYG editors or if you have to manually code with HTML. I’m starting a blog soon but have no coding skills so I wanted to get advice from someone with experience. Any help would be greatly appreciated!

  38. Cheree Burman scrive:

    Best article,very Formidable.

Lascia un Commento